martedì 28 febbraio 2017

ALCOLISMO COME LA PENSA BILL DALLA SCONFITTA ALLA FORZA

ALCOLISMO COME LA PENSA BILL 
DALLA SCONFITTA ALLA FORZA
Risultati immagini per immagini resa INCONDIZIONATA

Se abbiamo veramente l'intenzione di farla finita con l'alcol, non dobbiamo avere riserve di nessun genere; dobbiamo respingere ogni recondita idea che finalmente un bel giorno saremo immuni dall'alcol
Solo e soltanto dalla resa incondizionata possiamo iniziare il nostro recupero. Lottare con la dipendenza, qualunque essa sia, non porta da nessuna parte. Sappiamo benissimo che il primo passo da compiere è proprio quello di accettare e ammettere che la dipendenza è più forte di noi. Il recupero è un programma di umiltà profonda e continua. Giorno per giorno, ora per ora, minuto per minuto siamo sempre in balia di un nemico forte. Quando ci si arrende si riconosce il bisogno di aiuto. Ed è qui la forza e la vittoria. Non siamo più soli ma siamo aiutati a riconquistare la pace per dare inizio alla ricostruzione della nostra vita. Rispetto agli altri soldati che vincono battaglie e ne fanno sempre nuove, noi siamo SEMPRE all'erta pronti a difendere la nostra sobrietà. Dobbiamo metterci in testa che la nostra è una malattia che non guarisce, per cui è necessario curarsi costantemente e continuamente. La cura necessaria è la cura della nostra anima e della nostra spiritualità. La dipendenza ci rende insensibili ai sentimenti più dolorosi. Ci cancella la capacità di provare emozioni. Nel voler nascondere a se stessi il dolore, la sofferenza, la solitudine e la frustrazione dimentichiamo anche cosa siano la gioia, l'allegria, la condivisione, l'amore, l'appagamento.

Occorre, quindi, risvegliare la nostra anima imparando anche a sentire le emozioni che fanno soffrire. Imparare che non fanno così paura che possiamo farcela a starci dentro senza soccombere. I dipendenti sono coloro che nella vita hanno sofferto e soffrono tantissimo. La resa ci dà una boccata d'aria nella nostra malattia per riprenderci e iniziare la ricostruzione spirituale.

Nessun commento:

Posta un commento