venerdì 10 marzo 2017

ALCOLISMO COME LA VEDE BILL: ASSUMERSI LE PROPRIE RESPONSABILITA'

L'ALCOLISMO E LE RESPONSABILITA' secondo Bill


Essere pronti ad accettare tutte le conseguenze delle azioni passate, e nello stesso tempo ad assumersi la responsabilità del benessere altrui, è importante per il nostro recupero.


LE CONSEGUENZE DEL PASSATO

Bill ci fa riflettere sulle nostre azioni passate. Per molto tempo durante la dipendenza DELL'ALCOLISMO siamo stati egoisti. Abbiamo pensato che solo noi avevamo un dolore da dimenticare e che nessun altro poteva permettersi di dire il contrario.
Risultati immagini per bill alcolismoOra che siamo sobri ci rendiamo conto della sofferenza che abbiamo causato e di come siamo stati rinchiusi in noi stessi. L'esterno scompariva e appariva solo aggressività, malessere, tristezza e depressione.

IL PRESENTE 

Le azioni passate devono essere presenti nella nostra mente e nel nostro cuore. Abbiamo ora la possibilità di vedere chiaramente chi eravamo. Sappiamo che una delle forze del recupero è il presente, Il qui e ora, il solo per oggi. Infatti, nel presente vediamo come siamo davvero e possiamo onestamente rispondere delle azioni commesse. Il presente ci dà la possibilità di mettere radici al cambiamento. Quanto male abbiamo fatto e quanto male ci siamo fatti. Le nostre responsabilità iniziano ora, nel presente. La sofferenza permessa ora nel presente è il dispiacere e il dolore sincero della nostre azioni e la capacità di riconoscere che non eravamo noi e che abbiamo bisogno di aiuto.

LA RESPONSABILITA' DEL BENESSERE ALTRUI

Per la prima volta abbiamo la responsabilità di far star bene gli altri. I nostri compagni di vita, i nostri figli, i nostri genitori, amici e parenti ci affidano la loro serenità e felicità. Questa responsabilità non deve spaventarci ma ci deve spronare a vivere il nostro recupero in funzione di coloro a cui vogliamo bene. Ma la prima responsabilità è verso il nostro benessere.
Riflettiamo su questo e riprendiamo in mano la nostra vita.

Nessun commento:

Posta un commento