martedì 25 aprile 2017

ALCOLISMO: RICADUTA

La Ricaduta nell'alcolismo

Di cosa si tratta? Come affrontarla? 

La ricaduta – di cosa si tratta?

In generale si parla di ricaduta quando una persona, che ha un problema di dipendenza da una sostanza come l’alcol, consuma nuovamente dopo un periodo di astinenza.
E’ utile distinguere la «ricaduta» dalla «scivolata». Per «scivolata» o «passo falso» si indica abitualmente il fatto che una persona consumi nuovamente una o più volte, ma in piccole quantità,  e poi si astenga di nuovo completamente dal bere. Attenzione! Una «scivolata» non è mai banale! Qualsiasi ripresa del consumo, anche se contenuta,  rappresenta un serio pericolo, in quanto può sfociare in una ricaduta anche importante.
Anche il passaggio da una dipendenza ad un’altra (sostituire per esempio l’alcol con dei farmaci non prescritti o con il gioco patologico) può essere considerato come una ricaduta: quando ci si libera da una  dipendenza bisogna anche prestare attenzione affinché la stessa non si sposti altrove.

La ricaduta, una catastrofe? 

Sia le persone direttamente toccate, che quelle a loro vicine tendono a vivere le ricadute come un fallimento ed a pensare: «quindi non funzionerà mai». Molti provano, in relazione ad una ricaduta, sentimenti profondi di colpa e/o  vergogna. I famigliari, dal canto loro, si sentono traditi, tendono a diventare insofferenti ed accusare la persona direttamente toccata dal problema, non sapendo cos'altro fare. Tali sentimenti sono comprensibili in quanto una persona, quando smette di bere, suscita nei famigliari la speranza che il cambiamento si riveli rapido e duraturo.  Inoltre, in queste situazioni, sia le persone direttamente toccate che quelle a loro vicine tendono frequentemente ad avere una visione della situazione del tipo «tutto o niente». Quando poi vi è la ripresa del consumo, succede spesso che le persone direttamente toccate, essendo la ricaduta considerata come una loro mancanza, si ripieghino su loro stesse in preda alla vergogna e non osino chiedere aiuto. Accade anche che la persona direttamente toccata aumenti ulteriormente il consumo nella ricerca di un sollievo ai sentimenti spiacevoli che sta vivendo. 
I famigliari si sentono spesso, anche loro, scoraggiati. In caso di ricaduta della persona direttamente toccata dal problema, corrono poi il rischio di ricadere a loro volta in comportamenti di co-dipendenza già avuti in passato. Le accuse ed i messaggi di rimprovero trasmessi dai famigliari («…per colpa tua sto di nuovo male!») intaccano ulteriormente la fiducia della persona direttamente toccata dal problema. 
Quando per contro i famigliari, con l’intenzione di aiutare la persona che sta ricadendo, cercano di proteggerla (per esempio giustificando al loro posto gli appuntamenti mancati o le assenze dal lavoro) rischiano ugualmente di aggravare la ricaduta. 

Differenziare la visione della ricaduta 

Una ricaduta suscita chiaramente dei sentimenti e delle emozioni dolorose: sia la persona diretta-  mente toccata che i suoi fam i glia ri preferirebbero chiaramente esserne risparmiati. Imparare a mantenere un punto di vista differenziato e sereno sul significato e le conseguenze di una ricaduta permette di salvaguardare la speranza e di essere maggiormente in grado di affrontarla.

Una ricaduta che non lo è veramente… Può succedere che una persona sia costretta ad interrompere il suo consumo di alcol, ad esempio nell’ambito di un’ospedalizzazione. Spesso, in questi casi, la persona non aveva veramente il desiderio e/o la volontà di attuare un cambiamento. In questi casi, una ripresa del consumo non è considerata come una «vera ricaduta», in quanto l’astinenza non era a sua volta «vera», cioè decisa consapevolmente ed attuata, in altre parole veramente voluta. 


La ricaduta, un’opportunità?!

Le ricadute sono parte del  percorso verso la guarigione. La maggior parte delle persone che escono da una dipendenza sperimentano sul loro cammino delle ricadute più o meno gravi, in certi casi a più riprese. Una malattia come la dipendenza dall’alcol si sviluppa su un certo arco di tempo; essa a volte ha una lunga storia. Questo significa che non è sempre realistico pensare che il problema possa essere risolto rapidamente: bisogna saper dare tempo al tempo.
Cercare di capire perché vi è stata una ricaduta permette di essere maggiormente in grado di evitarne in futuro. In questo senso, pur vissuta come una crisi, la ricaduta può diventare anche un’opportunità. Ciò non significa comunque che bisogna in tutti i casi fare delle ricadute! Soprattutto, una ricaduta può segnalare il fatto che si sta ancora apprendendo e che il cammino che porta all’interruzione del consumo non è ancora concluso. 
Il rischio diminuisce col passare del tempo. La fase che segue la disintossicazione fisica è spesso particolarmente delicata, in quanto per un lungo periodo la vita è stata organizzata per ed intorno all’alcol. Dopo la fase di disintossicazione le persone sono ancora fragili e non hanno ancora, nella maggior parte dei casi, trovato un vero equilibrio. Ci vuole anche del tempo per riguadagnare la fiducia nei propri mezzi.
Il rischio elevato di ricaduta che caratterizza questa fase è dovuto  anche al fatto che numerosi problemi non sono ancora stati superati e che sovente manca ancora la forza per gestirli. Le preoccupazioni della vita quotidiana permangono a volte molto importanti. Spesso certi problemi finanziari e professionali connessi con il problema di alcol sono ancora presenti, senza contare le possibili tensioni in seno alla famiglia. Con il passare del tempo, comunque, la voglia di consumare diminuisce, lasciando spazio ai benefici ottenuti grazie all’interruzione del consumo. Il rischio di ricaduta, benché sempre presente, diventa meno importante. 
Una ricaduta non è per forza un ritorno al punto di partenza. E’ possibile limitare la gravità e le conseguenze di una ricaduta! Si tratta di reagire il più rapidamente possibile e di cercare l’aiuto di cui si ha bisogno presso i famigliari, il medico curante, i gruppi di auto-aiuto ed i servizi specializzati.

Cosa fare in caso di ricaduta?

Come già detto, è soprattutto importante mantenere un atteggiamento differenziato nei confronti di una ricaduta: si tratta di prendere la situazione sul serio, senza per questo lasciarsi scoraggiare. 
Persone in situazioni di ricaduta E’ importante evitare di isolarsi, di chiudersi in se stessi! 

I servizi specializzati in alcologia, i medici  ed i gruppi di auto-aiuto possono fornire un sostegno e costituiscono una possibile risposta per far fronte alla ricaduta. Un piano d’emergenza elaborato preventivamente permette inoltre di sapere cosa fare in caso di ricaduta: definire in anticipo a chi rivolgersi in caso di crisi (specialista, gruppo di auto-aiuto) permette di reagire in modo rapido ed efficace. Il bisogno di chiarire e determinare in anticipo ciò che può essere fatto in caso di ricaduta concerne sia la persona direttamente toccata dal problema che i suoi famigliari. E’ importante capire come mai si è verificata una ricaduta e definire in seguito come si prevede di affrontare, la volta successiva, una situazione simile senza ricorrere all’alcol. Lo scopo principale è quello di apprendere dalla ricaduta qualcosa che possa servire per il futuro. Quando si verifica una ricaduta,  può essere inoltre importante riflettere sugli obiettivi che ci si è prefissati o prendere in considerazione altri metodi per riuscire ad astenersi dall’alcol. In certi casi una ricaduta necessita  un nuovo periodo di disintossicazione fisica. Bisogna, in questi casi, discuterne la modalità con il proprio medico curante: la disintossicazione fisica può in effetti  comportare delle gravi complicazioni se non è effettuata sotto controllo medico.

Idealmente, le persone vicine a chi è ricaduto dovrebbero cercare di parlargli senza accuse o imposizioni. Nella realtà ciò non è sempre evidente, soprattutto quando la persona ricaduta assume, come spesso succede, un atteggiamento di negazione della situazione. E’ quindi importante ricordare alla persona la propria responsabilità nella gestione del 
la ricaduta. I famigliari e conoscenti possono anche chiedere alla persona direttamente toccata dalla ricaduta come valuta la situazione e come intende farvi fronte, formulando eventualmente dei suggerimenti sotto forma di proposte (tipo: «Cosa pensi dell’idea di…?»). Bisognerebbe invece aste nersi dal decidere al posto suo ciò che conviene fare. Inoltre, anche se nel caso di una ricaduta la collera e la delusione  sono dei sentimenti comprensibili, è importante che i famigliari non si lascino sopraffare da queste emozioni e continuino a prendersi cura di loro stessi e del loro benessere: idealmente il loro stato non dovrebbe dipendere da ciò che succede alla persona direttamente toccata dal problema. Parlare con delle persone di fiducia può dare sollievo e l’aiuto di professionisti (servizi specializzati per i problemi di alcol) o dei gruppi di auto-aiuto può rivelarsi  molto importante.
I famigliari dovrebbero anche evitare di ricadere nuovamente nei vecchi comportamenti di co-dipendenza: un aiuto specifico rispetto a questi comportamenti, ottenibile presso organismi specializzati e gruppi di auto-aiuto, può a volte rendersi necessario.

Nessun commento:

Posta un commento